• Daniele Briccolani vince il Memorial Alfio Tani 2011
  • La squadra corse 2013
  • Stefano Brunelli protagonista al Giro delle Vallate Aretine
  • Davide Bagnara vince a San Giustino (PG)
  • Fabrizio Amerighi primo ad Anghiari
  • Ad Anghiari (AR), Bagnara ed Amerighi ai primi due posti
  • Rudi Righi al "GP F.lli Bissioni"
  • Fabrizio Amerighi plurivincitore nel 2011
  • A Branzolino la coppia Mondini e Brunelli
  • Erik Balducci alla Maratona dles Dolomites
  • Marcellino Lucchi in azione
  • Maurizio Cai a segno a San Leonardo
  • Amerighi vince il Campionato del Mondo 2012
  • Bagnara vittorioso a San Giorgio

Amerighi strepitoso alla Granfondo Selle Italia, dopo dieci anni la gara cervese parla ancora borellese

Non ci sono parole per descrivere l'impresa di Fabrizio Amerighi alla Granfondo Selle Italia. Il corridore imolese non sicuramente abituato a correre le granfondo e, dover competere con gli specialisti non deve essere per niente facile per uno come lui, la cui stazza non sembra proprio adatta alle dure salite. L'idea di partecipare gli venuta tre giorni prima e, per potere partire da una griglia vantaggiosa, ha deciso di partecipare anche alla prova a cronometro del giorno prima: una prova contro il tempo di poco pi di un chilometro, distanza coperta in 1'40" alla strepitosa media dei 43 km/h, che gli ha permesso di vincere ed aggiudicarsi un posto in prima griglia per la partenza della granfondo. E domenica si superato davvero. Nonostante le salite di Montecavallo e Colinello, riuscito a mantenere le prime posizioni in un gruppetto di una ventina di corridori. Quando mancavano 15 chilometri all'arrivo, ha deciso di provare l'allungo, portandosi dietro Moreno Giulianelli (Frecce Rosse) e Davide Magon (Sintek). I tre atleti si sono presentati insieme sul lungomare di Cervia, dome Amerighi ha avuto la meglio giungendo al traguardo a braccia alzate.  La vittoria alla granfondo di Cervia arrivata esattamente dieci anni dopo l'affermazione di un altro borellese doc, il forte scalatore Filippo Baldassari, a segno nel 2004 sempre nel percorso medio.
Soddisfazioni da pi fronti nel week-end

Ben tre vittorie per i ragazzi del Team Borello nelle gare disputate nel fine settimana scorso. Sabato arrivata la prima vittoria per Massimo Tumaini nella gara di Traversara (RA): la gara dei pi giovani stata caratterizzata dalla lunga fuga del compagno di squadra Ricci Picciloni, partito subito dopo il via e rimasto in avanscoperta per quasi tutta la corsa. L'atleta di Lugo stato ripreso quando mancava una tornata alla fine, da un gruppetto del quale facevano parte Tumaini e Brunelli. Proprio Tumanini si reso protagonista con un'azione da finisseur, andando a vincere davanti a Brunelli. La prova dei gentleman stata vinta dal marchigiano Walter Basili, rimasto in fuga da solo per gran parte della gara. Alle sue spalle l'atleta del Borello, Marco Pettazzoni. Domenica nel Granpremio Cicli Marcellino Lucchi - Fungo Cesena, organizzato dal GS San Vittore il collaborazione con il Borello Cycling Team, vittoria assoluta di Stefano Brunelli nella gara della categoria Junior-Senior. Il percorso inedito era caratterizzato da una salitella posta a meno di un chilometro dal traguardo. Proprio quella stata il trampolino di lancio per Brunelli, che si involato verso il traguardo insieme al faentino Alvisi, battuto poi agevolmente in volata. Sempre domenica Fabrizio Amerighi si reso protagonista di un'impresa sensazionale. A Forte dei Marmi (LU) si aggiudicato per il quarto anno di fila, la Cronosquadre della Versilia, con un team misto formato insieme a Magnani, Grazia, Di Renzo, Gradellini, Bulgarelli e Mazzuola. I sette cronoman hanno coperto la prova contro il tempo in 35'38" all'incredibile media dei 52,21 km/h.
A San Giustino (PG) sempre il Borello a dettar legge

Si pu proprio dire che San Giustino terra di conquista per gli atleti del Team Borello. Da diversi anni la gara d'apertura del Giro delle Vallate Aretine, vede i corridori borellesi assoluti protagonisti: nel 2011 furono Di Guilmi, Brunelli e Bagnara ad aggiudicarsi la corsa toscana. L'anno successivo la tripletta di Brunelli, Amerighi e Benzi, mentre nel 2013 furono nuovamente Amerighi e Bagnara a dettare la legge dei pi forti. Sabato gli organizzatori hanno deciso all'ultimo minuto di fare partire gli oltre 130 corridori al via, in un'unica prova, nel classico percorso molto impegnativo contraddistinto dalla salita della Citerna e da un fondo stradale reso viscido dalla pioggia caduta fino a pochi minuti prima del via. Nonostante l'andatura folle e la salita della Citerna, i pretendenti alla vittoria che sono giunti sul traguardo erano 25. E qui un immenso Rudi Righi ha fatto valere le sue doti di velocista, superando tutti con una progressione incredibile. Battuti l'aretino Cartocci (Cavallino), Giannini e Davide Bagnara, che si aggiudicato la vittoria della categoria veterani.
Amerighi detta la sua legge a San Savino

Vittoria d'autore di Fabrizio Amerighi nella prima gara infrasettimanale della stagione. A San Savino di Fusignano c'erano davvero tutti i migliori corridori emiliano-romagnoli, toscani e veneti. Formula sperimentale con una partenza riservata agli atleti dai 18 ai 50 anni, quindi tanti gli atleti ai nastri di partenza, dai veneti Agostini e Grendene, ai romagnoli Bonsi e Lazzari. Ad un paio di giri dal termine, la fuga decisiva coi nostri portacolori, Amerighi e Tumaini protagonisti. Da dietro si sono susseguiti i tentativi di riacciuffare il gruppetto in fuga, soprattutto per opera di Agostini, ma non c' stato nulla da fare. Fabrizio Amerighi ha cos vinto la sua sesta gara dall'inizio dell'anno, battendo in volata il veneto Grendene.
Sabato  il 6 Granpremio F.lli Bissioni - Spas Ceramiche

Appuntamento da non perdere sabato prossimo a Cesena, con la 6 edizione del Granpremio F.lli Bissioni - Spas Ceramiche, gara organizzata dal Borello Cycling Team, in collaborazione col gli amici del G.S. Alfio Tani di San Vittore. Ritrovo per i partecipanti presso il Bar Ciccio a Cesena, in via Romea, 110. Prima partenza riservata ai Gentleman alle ore 13,30. SuperG e Donne alle ore 13,35. Poi alle 14,45 partiranno i veterani, seguiti alle 14,50 dai Junior-Senior. I corridori dovranno affrontare un circuito di 5km per 10 volte, dopodich la salita finale di 2 chilometri che porta all'arrivo in via Lizzano. Info 0547/601775
A Benvignante dominio assoluto: Amerighi e Brunelli ai primi due posti

Prima doppietta del 2014 per i ragazzi del Team Borello, sabato scorso nella gara di Benvignante: primo gradino del podio per Fabrizio Amerighi, che ha preceduto il compagno di squadra Stefano Brunelli. I due facevano parte della fuga che era partita a met della gara, assortita con altri atleti del calibro di Verlicchi e Motta. All'ultimo giro la stoccata di Amerighi, che lasciava soli i compagni di fuga e si involava al traguardo, seguito poco dopo da Brunelli che lo raggiungeva poco prima dell'arrivo, dove sono arrivati insieme, trionfando mano nella mano. Sempre a Benvignante, nella prova dei gentleman, ottimo 2 posto per Marco Pettazzoni, alle spalle di Michele Milani.
Brunelli a segno due volte nel week-end: Vecchiazzano e Pesaro le sue perle

Fine settimana indimenticabile quello appena trascorso per Stefano Brunelli. Il velocista gambettolese si aggiudicato le gare di Vecchiazzano (sabato) e Pesaro (domenica). Nella prima si reso protagonista subito dopo il via, entrando nella fuga poi rivelatasi decisiva. Insieme a lui, il compagno di squadra Tumaini, Stradaioli, Di Donato e Gasperoni. Nell'ultimo giro uno strepitoso Tumaini si messo a completa disposizione di Brunelli, rintuzzando ogni scatto e pilotando Brunelli fino all'ultima curva, posta ai meno 500 mt dall'arrivo. A quel punto Brunelli non ha avuto problemi ad aggiudicarsi la sua prima vittoria stagionale, superando nell'ordine Stradaioli, Di Donato, Gasperoni e lo stesso Tumaini. Sempre sabato, nella prova riservata ai veterani, ottima prestazione per Gianluca Lucchi, giunto al 3 posto, battuto da Roberto Valloni (Falcons) e Roberto Mordenti (Speedy). Brunelli si poi ripetuto domenica a Pesaro, dove ha battuto il santarcangiolese Matteo Metalli, nella volata ristretta di un gruppetto che era andato in fuga a meno di quattro giri al termine.

Amerighi sfreccia ai 50 km/h alla cronosquadre del Tirreno

Sabato era rimasto deluso dal piazzamento nella gara di San Zaccaria (alle spalle di un ottimo Filiberto Contoli, portacolori del Bike Passion di Faenza), cos Fabrizio Amerighi ha deciso di rifarsi subito il giorno dopo, alla Cronosquadre del Tirreno, classica di inizio stagione per gli specialisti delle cronometro. Con una squadra mista, formata da fortissimi passisti, Fabrizio Amerighi, Campione del Mondo in carica della cronometro a coppia (col compagno di squadra Gianpaolo Mondini), ha chiuso la prova contro il tempo, di 28,6 km, con il tempo di 33'50", alla media di 50,70 km/h (team formato con Grazia, Magnani, Di Renzo, Bulgarelli, Mazzuola e Gradellini). Alle spalle della squadra vincitrice, l'ASD Max Team (Renato Nicoletti, Pedretti, Busbani, Mai e Varani), staccati di 34".

Di Claudio Costabile la prima vittoria del 2014

Dopo la straordinaria striscia di vittorie e titoli vinti nel 2013 (ben 125 le affermazioni dei ragazzi del Team Borello, tra le quali spiccano le maglie di Campione Italiano su strada di Fabrizio Amerighi e di Campioni del Mondo Cronocoppie del duo Amerighi-Mondini), iniziata nel migliore dei modi la nuova stagione agonistica: al debutto nella gara di Igea Marina, subito la prima vittoria per Claudio Costabile, a segno nella prova riservata alla categoria dei pi giovani. Il velocista forlivese si reso protagonista fin dalla partenza andando in fuga insieme ad Andrea Baldassarri (Rock Racing) e Francesco Berardi (Falcons Team); il terzetto ha proseguito la fuga per tutta la gara e ai meno 500 mt all'arrivo, Costabile ha prepotentemente staccato i compagni di fuga, giungendo al traguardo con una manciata di secondi su Baldassarri e Berardi. Prima di loro avevano gareggiato gli atleti delle categorie veterani e gentleman. Protagonista assoluto stato il favorito di giornata, il velocista Silver Lazzari, quest'anno approdato alla Rock Racing. Anche in questa prova subito dopo il via partita la fuga decisiva, prima di cinque atleti, rimasti in tre dopo poche tornate. Lazzaari non ha avuto problemi a staccare nel finale i compagni di fuga, giungendo da solo al traguardo; alle sue spalle Michele Domeniconi (Sidermec) e Mario Donnini (Pedale d'Oro). La volata del gruppo inseguitore stata vinta da Mauro Gabellini (Sartori Group), primo dei gentleman.

 
BORELLO OFFROAD
 
 
Copyright © 2011 Gruppo Ciclistico Borello